Il Perù rappresentava per noi, ancor prima della nostra partenza, la vera essenza del viaggio in Sud America. Machu Picchu è un’istituzione dal fascino talmente potente che abbiamo sognato per anni di visitarla. Essere a “pochi passi” (cioè qualche centinaio di chilometri) ed averne finalmente l’opportunità ci rendeva impazienti come non mai. Eravamo convinti che visitare la misteriosa città Inca fosse quello che più ci avrebbe regalato emozioni indimenticabili di tutto il viaggio. In realtà, come spesso accade, abbiamo trovato in tutto il Sud America, ma anche nel solo Perù, luoghi dei quali non avevamo mai sentito parlare e che ci hanno emozionato molto di più della tanto rinomata alba a Machu Picchu.

Stiamo parlando di paesi e paesaggi naturali che ci hanno fatto entrare in contatto con le persone del luogo, con le loro tradizioni ed il loro vivere in maniera colorata. Come molto spesso succede, quello che aspettavamo con ansia ci ha “deluso”, mentre quello che non conoscevamo ci ha sorpreso ed emozionato.

Le emozioni. Forse potremmo dire che sono state proprio loro il filo conduttore di questo lungo viaggio che in Perù ha visto la sua fine. Eccoci dunque a raccontarvi la nostra lista dei 10 luoghi imperdibili nella Terra degli Inca. Ne rimarrete sbalorditi tanto quanto noi?

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Le Isole Galleggianti degli Uros

Nel cuore del lago Titicaca, un fitto intreccio di isole galleggianti colora le acque calme e trasparenti. Non si tratta di isole naturali, bensì di costruzioni realizzate dalla popolazione che da generazioni abita qui, gli Uros. La particolarità di questo luogo è proprio il modo in cui vengono realizzati i villaggi, ovvero intrecciando una pianta chiamata Totora, la “Manna dall’acqua” di questa strana quanto particolare popolazione. Pensate che con essa hanno costruito le isole che ospitano le loro case, le case stesse e le imbarcazioni per spostarsi da un’isola all’altra. Tutto questo è un qualcosa di unico, e soltanto camminarci sopra o guardarsi intorno fa uno strano effetto. Un posto così non lo vedrete da altre parti al mondo.

Le Isole Galleggianti (Islas Flotantes in spagnolo) possono essere visitate con dei tour che partono da Puno, oppure in autonomia con una delle tante barche che partono dal porticciolo del paese. L’unico neo del posto è la troppa “turisticità” che ha preso piede anche in questo luogo dal passato selvaggio. Ma parlando con chi ancora vive sulle isole abbiamo capito che le difficoltà che incontrano nelle loro giornate (mandare i bambini a scuola, scaldarsi d’inverno, sfamarsi e dissetarsi…) sono per loro enormi. Possiamo quindi biasimarli se hanno deciso di sfruttare anche il turismo per tirare avanti? Non possiamo quindi che consigliarvi assolutamente una scappata nell’Isola che c’è!

Vista da un'Isola Galleggiante (Isla Flotante) degli Uros sul Lago Titicaca

Le Isole Galleggianti degli Uros con tanto di imbarcazioni. Il tutto a base di Totora.

Foto con vestiti tipici degli Uros sulle Islas Flotantes (Isole Galleggianti) in Perù

Ci potrebbero scambiare per Uros senza problemi

→ Leggete il nostro articolo sulle Isole Galleggianti degli Uros per capirne la loro unicità ←

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Arequipa

Le sue case sono state costruite con bianche pietre vulcaniche in gran parte provenienti dal Misti, l’imponente vulcano che sovrasta la città. Per questo Arequipa viene chiamata laCittà Biancadel Perù. E proprio questa candida caratteristica fa sì che Arequipa sia una città bella, ordinata ed elegante. Il posto ideale per iniziare a scoprire la storia Inca, ma anche la cultura peruviana, le sue tradizioni, i suoi usi e costumi e la sua arte culinaria, che solo qui abbiamo scoperto essere stranamente ed indissolubilmente legata a quella cinese. Arequipa è una di quelle città dove trascorrere il tempo con calma, assaporando ogni momento, e dove tutto sembra meritarsi una foto. Arequipa è una città che ha tanto da offrire e che merita senz’altro una visita per la sua bianca bellezza.

Punto panoramico Yanahuara con archi ad Arequipa con vista vulcano Misti

Gli archi bianchi di Arequipa, il suo miglior punto panoramico, noi due ed il vulcano Misti

→ Dopo aver letto il nostro post su Arequipa, un viaggio in Perù
comincerà già ad avere un senso ←

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Canyon del Colca

Se avete letto il paragrafo qua sopra e avete così già deciso di visitare Arequipa (prima o poi), non dimenticatevi di programmare una bella escursione al Canyon del Colca, il canyon più profondo del Sud America e secondo in tutto il mondo (3.270 metri). Potrete visitarlo in una giornata, oppure camminare all’interno delle sue gole per un minimo di due giorni.

Più che il Colca (che a vederlo dall’alto non sembra nemmeno un canyon) le attrazioni più ragguardevoli si trovano lungo il percorso e al suo interno. Fra i punti salienti troverete la splendida “Cruz del Condor”, dove i maestosi uccelli amano ritrovarsi per poi planare in volo e disegnare nel cielo le loro traiettorie danzanti. Non mancheranno poi minuscoli villaggi e punti panoramici che vi faranno sentire grati di essere arrivati fin qua. Tutti i tour partono da Arequipa, ma ammattendo un po’ è possibile fare tutto anche in autonomia.

Punto panoramico Cruz del Condor Canyon del Colca

La Cruz del Condor: il punto panoramico più famoso e affollato del Canyon del Colca

Noi abbiamo provato il trekking di due giorni ed una notte e possiamo dirvi senza problemi che…non è un trekking per tutti! Il primo giorno è di semplice discesa ma il giorno successivo c’è da risalire. Una bella sfacchinata, ripagata però dalla bellezza del paesaggio. Che sia un buon motivo per mettersi in gioco con sé stessi?

Vista sui terrazzamenti agricoli a 4000 metri all'interno del Canyon del Colca in Perù

Troverete paesaggi impensabile, dato che sarete a quasi 4.000 metri di altitudine

→ Siete pronti a scendere insieme a noi nel secondo
Canyon più profondo al mondo? Cliccate qua allora! ←

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Cusco

Ci piace ricordarla come il crocevia Inca-ntato delle meraviglie. Quella che un tempo fu la capitale dell’impero Inca conserva tutt’ora il proprio fascino ammaliatore. Migliaia di turisti giungono a Cusco ogni giorno spinti dal desiderio di visitare Machu Picchu, ma molti di loro (noi compresi) restano incantati dalla bellezza di Cusco e del suo centro storico. Sono necessari diversi giorni per esplorarla con calma, scoprirne i segreti e lasciarsi affascinare dalla sua storia.

Vista su Cusco da Sacsayhuaman

La città di Cusco vista dall’alto

Da Cusco è possibile raggiungere il Valle Sagrado, un’imperdibile escursione alla scoperta delle misteriose costruzioni dell’impero Inca. Pisaq ed i suoi incredibili terrazzamenti ed il parco archeologico di Ollantaytambo sono soltanto due dei numerosi luoghi che vanno assolutamente visitati prima di raggiungere la star del luogo, Machu Picchu. Il problema è che una volta fatto il primo passo nel cuore della cultura dell’Impero Inca, sarà difficile lasciarla senza aver trovato prima le risposte a tutte le vostre domande.

La vista completa di Pisaq e dei suoi terrazzamenti in Perù

Il piccolo villaggio di Pisaq ed i suoi enormi terrazzamenti agricoli

→ Tutto quello che c’è da sapere e da vedere quando
si arriva a Cusco, lo trovate nel nostro articolo ←

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Machu Picchu

Il saggio dice: “Troppe aspettative possono deludere”. Noi diciamo: “Non delusione, ma amaro in bocca”. Non vogliamo dire che Machu Picchu non sia bella ma non possiamo neanche tacere il fatto che visitarla con centinaia di altri turisti, aver speso più per lei che per un intero mese di viaggio in Bolivia e averla lasciata a conclusione di 5 mesi di meraviglie, una dopo l’altra, un po’ ha influito sul nostro giudizio. Resta comunque un luogo da pelle d’oca, un luogo che dimenticherete difficilmente, di quelli da vedere almeno una volta nella vita.

Tipica foto panoramica di Machu Picchu

Possiamo dire tante cose contro Machu Picchu, ma mai potremmo dire che non è un vero e proprio spettacolo

Purtroppo dal 2017, per preservare il luogo, le regole per gli ingressi sono diventate ancor più restrittive (noi l’avevamo detto che ce n’erano troppi di turisti) ed è molto più difficile trovare posto per il tanto celebre quanto incredibile Inca Trail. Ricordatevi quindi di prenotare con anticipo se decidete di visitare Machu Picchu e cercate di informarvi ancora meglio (magari con il NOSTRO ARTICOLO)!

Noi e la classica foto a Machu Picchu

Finalmente a Machu Picchu!

Se però anche voi non sentirete tutta la magia che Machu Picchu vanta di avere, abbiamo una soluzione anche per voi dal cuore duro. Che la magia abbia inizio qua sotto…

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: la Montagna Vinicunca

Il nostro viaggio in Sud America risale al 2016, quando il luogo di cui stiamo per parlarvi era ancora magicamente ed inspiegabilmente sconosciuto ai più. Da poco si era trovata una strada percorribile dai mezzi per arrivare ai piedi dell’incredibile Montagna Vinicunca e noi siamo capitati qua nel momento migliore.

Eravamo al massimo 50 persone, quel giorno, a visitare la montagna più colorata del Perù; numeri che adesso non vengono registrati neanche nei giorni con meno affluenza. A qualche ora da Cusco si nasconde (ad oggi nemmeno troppo bene) questa Montagna, con la M maiuscola, chiamata in vari modi: Vinicunca, Colorada, Rainbow Mountain, ecc…Però, anche se i nomi sono tanti, i colori che la decorano sono molti di più. Ed è questa la cosa spettacolare di queste colline che sembrano dipinte. Una bellezza così unica e particolare che ci è difficile spiegarvi quello che si prova a starci davanti.

VIsta laterale della indimenticabile montagna Vinicunca/Arcoiris/Colorada in Perù

La Montagna Vinicunca, ovvero colei che ancora ogni tanto sogniamo di notte…

Sfortunatamente non tutti potranno godersi cotanta bellezza, poiché il trekking per arrivarci è abbastanza impegnativo. Si superano infatti i 5.000 metri d’altitudine e la salita finale è di quelle toste. Chiunque riesca nell’intento avrà però il piacere di vedere la Montagna Vinicunca e sarà difficile che riesca a trattenere le lacrime di gioia. Bellezza pura, emozione pura.

VIsta centrale della indimenticabile montagna Vinicunca/Arcoiris/Colorada in Perù

In poche parole il Vinicunca è riuscito, anche laddove Machu Picchu aveva fallito, a sorprenderci come pochi altri luoghi nella nostra vita avevano fatto. Questo (e tanti altri) è uno dei motivi che ci spinge a fare sempre nuovi viaggi. Senza informarci troppo prima di farli. Questo senso di scoperta, questa rivelazione di bellezza, come si fa a vivere senza?

P.S.: se vi dicessimo che la Montagna Vinicunca nel 2010 è stata data in concessione ad un azienda di estrazione mineraria? E che questa sta tornando a rivendicare la licenza? Non sappiamo proprio che dire, ne rimaniamo completamente basiti. Proprio come ci ha lasciato lei quando l’abbiamo vista la prima volta.

→ Un consiglio da amici: ANDATECI IL PRIMA POSSIBILE!
E semmai vi servisse un aiuto qua trovate il nostro post sulla Montagna Vinicunca ←

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Puerto Maldonado

Prima di arrivare in Perù siamo passati dal Brasile e dalla Bolivia, senza però cogliere l’occasione di addentrarci nella Foresta Amazzonica. Per fortuna il viaggio ci ha concesso un’altra possibilità ed in Perù non ci siamo fatti pregare per entrare a pieno contatto con il Polmone della Terra.

Per esplorare questo paesaggio naturale dalle fattezze meravigliose abbiamo scelto la città di Puerto Maldonado. Facile da raggiungere, ben servita, ma forse un po’ troppo turistica. Situazioni che ci hanno lasciato dei bei ricordi non sono però mancate. Vedere gli animali anche di grandi dimensione in libertà è sempre qualcosa di emozionante e la maestosità della selva è da brividi. Se avete poco tempo (e non molti soldi) a disposizione Puerto Maldonado è un ottimo compromesso fra natura selvaggia e comfort, ma se ne avete la possibilità vi consigliamo vivamente di volare fino ad Iquitos (sì, si raggiunge solo volando…o con 4 giorni di barca), ovvero l’autentica, selvaggia Foresta Amazzonica come tutti la immaginiamo.

Barche tipiche all'interno della Foresta Amazzonica

La giusta proporzione per una “vacanza” avventurosa…

Tarantula Eco Hostel all'interno della Foresta Amazzonica di Puerto Maldonado in Perù

…e al tempo stesso di sano relax

→ Noi abbiamo fatto un tour di 3 giorni e 2 notti
e, se volete, trovate tutti i dettagli semplicemente cliccando qua ←

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Cordillera Blanca e Negra

È grazie al Sud America se ci siamo innamorati del trekking a contatto con la natura. Abbiamo quindi pensato di salutare la nostra amata parte di mondo concludendo il viaggio con 4 giorni di cammino fra la Cordillera Blanca e la Cordillera Negra, nel cuore delle Ande.

Circondati da alcune delle montagne più alte del continente, il tour Santa Cruz è uno dei più imperdibili. Ma anche le numerose lagune disseminate su vari percorsi sono assolutamente da visitare (come per esempio la Laguna 69). Il paese di Huaraz è il luogo perfetto per organizzare e contrattare i diversi tour, anche se come centro abitato lascia un po’ a desiderare.

La Laguna 69 nella Cordillera Blanca in Perù

La Laguna 69

Noi a Huaraz ci abbiamo dormito, ci abbiamo prenotato i trekking che più ci avevano colpito e ci siamo ritornati dopo i vari tour. In quest’ultimi abbiamo camminato per giorni superando spesso i 4.000 metri, abbiamo assistito a paesaggi da togliere il fiato, abbiamo ammirato ghiacciai perenni che si tuffano in lagune dalle acque turchesi ed abbiamo avuto l’onore di vedere le montagne e la nostra tenda illuminate solo dal chiarore della luna. Per chi ama la natura, qua è un sogno ad occhi aperti.

Passo di Portachuelo durante il trekking Santa Cruz nella Cordillera Blanca in Perù

Viste così non ve le dimenticherete mai!

→ Per la guida completa agli splendidi trekking della Laguna 69
e di Santa Cruz  venite pure sull’altro articolo ←

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Lima

In tutte le liste di cosa vedere in una Nazione, la sua capitale è sempre presente ed anche questa volta non facciamo un’eccezione. Infatti Lima, la sede del Governo peruviano, è talmente diversa da tutte le altre città del Perù e da come ce l’eravamo immaginata che è stata una grande sorpresa per noi. Ci abbiamo passato soltanto due giorni, ma ci sono bastati per capire che si tratta di una metropoli modernissima, dove però non mancano i segni di un passato lontano che ne arricchiscono la storia e la cultura.

Centro Storico Lima

Il Centro Storico di Lima

Tante sono le cose da vedere a Lima: dai suoi numerosi musei (la maggior parte gratuiti), ai suoi quartieri vivi più che mai, passando dagli edifici religiosi con un fascino tutto loro, fino ad arrivare ai suoi spazi verdi che vi faranno dimenticare di essere in una capitale. Noi, poi, abbiamo un conto in sospeso con Lima: da qua siamo ripartiti per tornare in Italia e, prima o poi, qua ritorneremo per dirigerci a Nord, nella parte di America Latina che vogliamo tanto esplorare.

Vista delle Ande dall'aereo da Cusco a Lima in Perù

E con un paesaggio così, tornare a Lima in aereo sarà un vero piacere!

→ Cliccate qui per scoprire Lima in due giorni, grazie al nostro itinerario ←

Perù, 10 cose da vedere assolutamente: Quello che vorremmo vedere in futuro

Vi abbiamo parlato dei luoghi imperdibili che abbiamo conosciuto e visto nel nostro viaggio in Perù, ma quanti sono quelli che ci siamo persi e che meritano senz’altro una visita? TROPPI! La Riserva Nazionale di Paracas con le celeberrime linee di Nazca e la duna di sabbia più alta del mondo, la natura incontaminata delle Islas Ballestas (vicino Pisco), la città di Ica, a pochi passi dalla desertica Oasi di Huacachina, sono solo alcune. Per non parlare di tutti i posti che tutt’oggi non conosciamo e che invece potrebbero essere delle graditissime sorprese. Come facciamo a non tornarci?

Cartello d'ingresso al Perù

Viaggiare alla nostra maniera

In questi mesi vi abbiamo parlato anche dei luoghi imperdibili di Argentina, Cile e Bolivia e di come questo viaggio abbia cambiato la nostra vita, ma le nostre sono solo liste temporanee perché la natura incontaminata, le persone del cuore grande e i segreti ben nascosti di questa parte di continente ci hanno talmente affascinato che non vediamo l’ora di mettere nuovamente piede in Sud America. Magari con un biglietto di sola andata e niente di organizzato…proprio come piace a noi!

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: