Non siate sciocchi, scoprite con noi il Tour perfetto per il SALAR DI UYUNI

08.05.2016 – 11.11.2016

Quebrada de Palala, Awanapampa, San Antonio de Lipéz, Deserto di Siloli. Probabilmente questi nomi non vi dicono niente, ma se provassimo invece con Salar di Uyuni? Tutto più facile, vero? Uno dei più grandi deserti al mondo, il più grande in assoluto se consideriamo solo quelli composti di sale. Un gigante bianco che si estende per 10.582 km² a 3.650 metri s.l.m. Se non ne avete mai sentito parlare lo avrete visto sicuramente per sbaglio in qualche servizio televisivo o in qualche foto dei “Posti da visitare prima di morire”. Niente di tutto questo? Male. Molto male. Lo conoscete fin troppo bene ma non sapete quale è il miglior modo per ammirarlo? Già meglio. È il vostro sogno ma per adesso “irrealizzabile”? Capibile.
Se fate parte di uno di questi casi, però, non dovete preoccuparvi, ci siamo noi qua apposta per voi. Vi descriveremo il miglior Tour in uno dei posti più belli al mondo ed i trucchi per realizzarlo spendendo il meno possibile. Cosa chiedere di più?

Salar de Uyuni

Per mettere subito le cose in chiaro

Partiamo dall’inizio, cioè, come organizzare un tour al Salar di Uyuni? Va detto che per raggiungere il deserto potete partire a vostro piacimento da diverse località, sia cilene che boliviane. Dal Cile normalmente si puo’ raggiungere partendo dalla bellissima città di San Pedro de Atacama con tour perlopiù di 2 notti e 3 giorni che comprendono il passaggio della frontiera per strade mozzafiato e la visita a numerose lagune, per poi concludersi proprio come quella fatta da noi (non vi vogliamo svelare niente) prima del rientro in Cile (è anche possibile non ritornare a San Pedro e proseguire in maniera indipendente dalla città di Uyuni. Il prezzo comunque è lo stesso). La spesa totale per tutto ciò? 90.000 pesos cileni, ovvero 150€. Pochissimo, non è vero? Ma non abbiate fretta a prenotare, aspettate…

Logicamente anche dalla Bolivia si trovano molti Tour che partono sia direttamente dalla città di Uyuni che da La Paz e Tupiza. Le prime due, a meno che abbiate poco tempo a vostra disposizione, non sono nemmeno da prendere in considerazione, dato che generalmente i loro Tour sono giornalieri o al massimo di 1 notte (vi perdereste così le cose migliori) mentre per la terza, Tupiza, tutto questo non vale. Partendo da qui dovrete prepararvi ad un viaggio di 3 notti e 4 giorni e a tante di quelle meraviglie da vedere che quando vedrete del comune sale in giro per casa vi metterete a piangere di malinconia. Ah, se non si fosse capito noi siamo partiti proprio da Tupiza.

Badate bene, non stiamo sottintendendo che, siccome noi siamo partiti da Tupiza, allora questo è senz’altro il migliore. Non siamo solamente noi a pensarla così, ma tantissime persone con le quali ci siamo confrontati sia prima che dopo il tour. Perciò, se avete tempo a disposizione, vi consigliamo vivamente di prenotare questo poiché vi porterà alla scoperta di territori incontaminati e di popolazioni locali che hanno conservato usi e costumi dell’antichità e vi farà sentire in perenne contatto con la Pacha Mama (la Madre Terra in lingua Quechua) in un modo nuovo e profondo. Ma soprattutto con il tour da più giorni avrete la possibilità di vedere il Deserto di Sale nel momento più bello della giornata. Un ricordo che rimarrà indimenticabile.

Restringendo il campo a Tupiza, quale agenzia preferire? Noi abbiamo passato un’intera giornata a studiare recensioni su internet e a girovagare per la città chiedendo preventivi nelle diverse agenzie di viaggio (ce ne sono tantissime). Alla fine abbiamo preso una decisione, contrattando La Torre Tours. Abbiamo optato per questo tour sia per l’affidabilità dell’agenzia (uno dei migliori punteggi nelle recensioni di TripAdvisor) che per il buonissimo rapporto qualità/prezzo.

Tour di Uyuni

Lui, per esempio, ha deciso di farsi tutto il Tour in bicicletta. Eroe.

Ricordatevi bene: tutti i tour che partono da Tupiza seguono lo stesso itinerario, con variazioni veramente minime (se non inesistenti) e spesso i numerosi fuoristrada delle varie agenzie viaggiano in gruppo. Quindi non badate a questo particolare per scegliere a chi affidarvi ma riflettete bene sul fatto che l’autista dovrà guidare tutto il giorno, svegliandosi all’alba e andando a dormire tardi, le strade asfaltate non esistono (preparatevi ad un viaggio a prova dei migliori ammortizzatori) e le Jeep non sono proprio gli ultimi modelli (abbiamo poi scoperto che le auto non sono di proprietà dell’agenzia ma dell’autista o della cuoca…assurdo!) perciò molto meglio puntare sulla serietà e sulla sicurezza e non cercare di risparmiare qualche boliviano. La Torre Tours, oltre a parametri di sicurezza e affidabilità alti, ha anche un prezzo concorrenziale che non a caso la rende una fra le migliori agenzie per la visita al Salar. 1.250 pesos boliviani (solo 160€) per il tutto. Cosa comprende questo tutto? Quattro giorni e tre notti di viaggio, un’autista/guida turistica e una cuoca (entrambi a nostra completa disposizione), spostamenti con fuoristrada 4×4 da dividere in 6 persone (4 partecipanti, autista e cuoca), tre alloggi differenti, colazioni, pranzi, merende e cene (anche per vegetariani), bevande, mate e, se avrete voglia, moltissime chiacchere. Inoltre, visto che il giorno prima della partenza avevamo fatto un Tour a cavallo con la stessa agenzia, ci hanno gentilmente offerto incluso nel prezzo un sacco a pelo da alta montagna (credetemi ne avrete estremo bisogno, gli alloggi sono carini ma non hanno riscaldamento). E cos’è che non include? Ingressi ai Parchi e alle Riserve (obbligatori), biglietti per le terme e uso delle docce calde. Esatto, sarà un viaggio per niente da signori ma proprio all’avventura. L’autista/guida turistica parla solo spagnolo ma se volete una guida che parli inglese (per l’italiano non c’è proprio possibilità) dovrete pagare un supplemento. Ci teniamo a dirvi di non prenotare assolutamente dall’Italia questo tour (né nessun altro del Sud America) dato che il prezzo in loco è sempre più basso, e non di poco, e c’è sempre tempo di chiedere un ulteriore sconticino. Non preoccupatevi, non rischiate di rimanere senza tour; l’agenzia pur di non lasciarvi a piedi farà partire una macchina in più. Ok, questo è tutto quello che c’è da sapere prima della partenza.

Partenza Tour Uyuni

Il nostro grande gruppo

Ricapitolando: prediligete, se possibile, tour di più giorni, affidatevi ad una buona agenzia (la sicurezza prima di tutto), non prenotate dall’Italia. Pochi passaggi per un ricordo indimenticabile.

La partenza è prevista per le ore 8:00 circa e constatiamo con piacere che i nostri compagni di viaggio saranno veramente Anne e Gunter (la coppia di tedeschi conosciuti la sera prima a Tupiza) e quando ci avviciniamo al fuoristrada per caricare gli zaini conosciamo anche l’autista Grober e la nostra cuoca personale Porfiria, da noi amorevolmente chiamata Porfi. Se anche voi opterete per La Torre Tours come noi provate a chiedere questa coppia vincente: Grober non beve, è molto attento alla guida, molto curioso ed un buon chiaccheratore, mentre Porfiria oltre ad essere una cuoca eccellente e materna era sempre la prima ad entrare per procurarci il tavolo migliore, quello più vicino al fuoco e anche le migliori camere. La nostra mammina boliviana.

Squadra Tour di Uyuni

La squadra vincente

Fissiamo così i nostri zaini ed i viveri sul tettuccio della macchina, li ricopriamo con un telo che li protegga dalla sabbia e dal sole e siamo pronti a partire. Grober ci fa immergere subito nel clima giusto con le canzoni tipiche boliviane. Sono così una novità che non smettiamo di provare a cantarle e ballarle. Comportamento che cambierà decisamente al terzo giorno di viaggio (ma forse anche al secondo) quando lo supplicheremo di mettere un po’ di musica da Gringos (così veniamo chiamati noi stranieri in Sud America, anche se il termine sarebbe stato inventato per gli statunitensi).

Questo articolo sarà diverso da tutti gli altri scritti da noi. Poche spiegazioni e tante foto. Anche perché a volte un’immagine vale molto più di mille parole. E queste foto valgono forse anche di più…

Prima salita Tupiza

Come percorso iniziale non c’è male…

Poca strada asfaltata e già entriamo nello sterrato, dal quale usciremo solo l’ultimo giorno. Iniziamo a conoscerci e nemmeno il tempo di accorgersene che è tempo di scendere per la prima fermata. Ci troviamo poco fuori le porte della città e davanti a noi si erge la Quebrada de Palala dove formazioni rocciose di un rosso intenso si susseguono per dare vita ad un paesaggio spettacolare che ci ricorda tanto Tilcara con la sua Quebrada de Las Señoritas ma anche La Valle de la Luna di San Pedro de Atacama. Il primo incontro con la civiltà lo facciamo passando il villaggio di Nazarenito, un villaggio di minatori dove vivono otto famiglie nelle condizioni più povere che possiate immaginare. Ma qui sembra tutto normale, forse di posti così in Bolivia ne esistono a centinaia.

Tour Uyuni

Il tempo passa e per sgranchirci le gambe ci fanno fermare nuovamente. Stavolta il punto d’interesse è Awanapampa, dove ci aspetta un immenso allevamento di llamas (lama). Questi simpatici camelidi, un po’ timorosi e non molto propensi a farsi avvicinare dall’uomo, sono anche fra gli animali più puliti al Mondo; se vedrete dei mucchietti neri in alcuni angoli appartati non preoccupatevi, quelli sono le loro Toilette! I lama infatti scelgono dei punti specifici dove fare i loro bisogni lasciando il resto dello spazio pulito. Simpatici, intelligenti e molto puliti a quanto pare.

Lama nel tour di Uyuni

Salutati i numerosi lama (senza essere riusciti ad avvicinarci nemmeno ad uno) risaliamo in auto per fermarci “poco” tempo dopo in un bel punto panoramico. Attorno a noi nessun edificio, solo un paesaggio mozzafiato e due donne boliviane insieme ai loro prodotti artigianali. Ancora oggi ci chiediamo come possano esserci arrivate. Fatto sta che l’economia di chi vive in questi paesini dimenticati da tutti si basa quasi interamente sui turisti e sull’allevamento dei simpatici e puliti animali che danno loro (oltre alla carne e al latte) una pregiata lana utilizzata per tessere prodotti unici e ricercati. Fiammetta si lascia rapire dalla perfezione di quei prodotti e decide così di acquistare un berretto di morbidissima lana a soli 40 pesos (nemmeno 5€). La cosa che anche stavolta ci lascia sgomenti è la risposta delle signore alla nostra domanda «Quante ore ci vogliono per farne uno come questo?» la risposta è «Ore? Ci vogliono giorni!». Non vogliamo dire niente al riguardo, però se vi capita di passare anche a voi di qui portatevi qualche soldo extra da lasciare a queste umili persone.

Cholitas al lavoro

Siamo partiti da nemmeno mezza giornata e già la nostra coscienza è cambiata quanto basta per immergerci nella vita boliviana. Ma non è finita qui. Infatti, dopo altro tempo passato a parlare del più e del meno, a mangiare lecca lecca offerti da Porfi e ad ascoltare canzoni tipiche, arriviamo nella piccola Macchu Picchu: San Antonio de Lipéz (4690 m.s.l.m.). Quest’ultima esiste da quando si capì che nelle montagne circostanti si trovavano oro e tanti altri metalli preziosi. Cosicché quei buontemponi degli spagnoli fecero costruire il villaggio e scavare le miniere, costringendo le popolazioni locali e gli schiavi a vivere e lavorare lì per loro. Ricordandovi che ci troviamo a quasi 5.000 m.s.l.m. e che qui anche respirare è difficile arriverete alla conclusione che moltissimi morirono dentro quegli strettissimi cunicoli sotterranei esposti al caldo insopportabile del deserto. A raccontarci la triste storia è un ragazzo boliviano che ad oggi vive nel nuovo villaggio di San Antonio. Lo ascoltiamo in silenzio. Naturalmente adesso di oro non ce n’è più e le famiglie rimaste ormai non perdono più tempo a cercarlo.

Pueblo Fantasma Uyuni
Pueblo Fantasma Uyuni

Saliti in macchina scopriamo che anche noi trascorreremo la prima notte del nostro tour nella nuova San Antonio e dobbiamo dire che, almeno a prima vista, qui non sembrano passarsela molto meglio dei loro antenati. Entriamo nell’abitazione che ci darà da dormire, aiutiamo a scendere tutto dalla Jeep, sistemiamo gli zaini e andiamo di corsa a tavola: la nostra cuoca preferita ci ha fatto una bella merenda con tanto di tè. A stomaco pieno ci andiamo a riposare prima dell’ora della cena. Porfi ci mette davanti agli occhi un piatto super abbondante e buonissimo mentre dei bambini del luogo cantano delle canzoni  per intrattenerci. L’istruzione rappresenta un problema, le scuole sono troppo lontane e spostarsi per raggiungerle per queste famiglie è impensabile, così i bambini crescono analfabeti e senza una giusta formazione. A fine “concertino” passano per i tavoli a chiedere un piccolo aiuto. Anche stavolta non darglieli è quasi impossibile.

San Antonio de Lipez Uyuni

In una foto siamo riusciti a ritrarre tutto il villaggio. Non dev’essere facile vivere qui.

Ora però è tempo di andare verso il letto. Domani la sveglia suonerà all’alba ma prima di coricarsi usciamo due minuti per capire come si vedono le stelle da qua. A 4.250 m.s.l.m. immersi nella natura con l’inquinamento luminoso pari a zero potete immaginarvi che cielo ci sia sopra le nostre teste. Va detto però che fa un freddo allucinante qua fuori e anche dentro non è che cambi molto. Tocca quindi vestirsi belli pesanti, infilarsi nel sacco a pelo e coprirsi con due (se ce ne sono di più meglio) piumoni. Ora già meglio. Buonanotte.

All’alba del secondo giorno Porfi ci aspetta già pronta al nostro tavolo con un’abbondante colazione. Abbiamo giusto il tempo di preparare e caricare tutto che alle prime luci del mattino siamo già in partenza per raggiungere la prima meta della giornata, la Laguna Morejón (4855 m.s.l.m.) un lago di colori che si estende ai piedi del vulcano Uturuncu (6.008 m.s.l.m.).

Laguna Morejón

Il nostro nuovo Record in fatto di altitudine

Abbiamo già visto tantissime cose, ma questo non è ancora niente. Stiamo per entrare nellaReserva Nacional Eduardo Avaroa (qui il biglietto d’ingresso obbligatorio: 150 bolivianos,  20€). Iniziamo la sua scoperta dalla Laguna Hedionda, che letteralmente significa puzzolente (anche olfattivamente). I paesaggi dentro il Parco sono tutti bellissimi ma, essendo quasi un ambiente desertico, a lungo andare puo’ apparire molto simile. Fortunatamente  raggiungiamo la caratteristica Laguna Kollpa dalla quale viene estratta della polvere bianca che viene usata come sapone per lavare e profumare il corpo o i vestiti.

Laguna Kollpa Uyuni

Sembra talco ma non è, serve a darti l’allegria!

Dopo aver provato con mani questa “magica” polvere siamo pronti per andare a mangiare. Arrivati all’edificio adibito al pranzo siamo liberi di passare un po’ di tempo rilassandoci nelle terme di Polques. L’acqua calda (36-39°) ed il panorama surreale rendono tutto un sogno. Sogno che si conclude con il richiamo della Porfi: il pranzo è pronto! Ancora non del tutto asciutti davanti a noi arrivano piatti da Re. Questo tour è perfetto!

Terme di Polques Uyuni

Potremmo stare meglio, è vero, ma sicuramente potremmo stare molto ma molto peggio

Pranzo insieme

Ogni pasto un chiletto in più. Grande Porfi!

A pance piene passiamo attraverso il deserto di Dalí, chiamato così per la somiglianza con i paesaggi presenti nei suoi quadri degli “Orologi Sciolti“, anche se noi tutta questa somiglianza non ce la vediamo. Oggi le soste di susseguono una dietro l’altra (per fortuna oseremmo dire, dato che le gambe chiedono pietà) e così abbiamo l’onore di  ammirare la Laguna Verde, la Laguna Bianca ed il magnifico Licancabur che avevamo già visto prima, ma dalla parte cilena, dato che questo vulcano è il confine naturale tra i due Paesi.

Licancabur

Paesaggi così sono difficili da dimenticare

Il viaggio continua e continuiamo anche a salire, fino a raggiungere il punto più alto del Tour, a poco meno di 5.000 m.s.l.m., dove ci aspettano i GayserSol de Mañana“. Avevamo visto Geyser più grandi in Cile (ad Atacama), ma vederli è sempre un piacevole spettacolo. Dobbiamo però rientrare di corsa in macchina poiché a queste altezze il freddo inizia ad essere troppo pesante e quindi, ricordatevi, vestirsi bene è la parola d’ordine.

Gayser Sol de Mañana

I Geyser o, come li chiamano qui, “La Fumarola”

Il sole inizia a tramontare e noi siamo arrivati al villaggio di Huayllajara per fare merenda, cenare ma sopratutto per scaldarci e riposare un po’. Come sempre il cibo è ottimo e la Porfi ci ha tenuto il tavolo più vicino alla stufa. Il problema arriva quando si spengono le luci (dopo una certa ora in qualsiasi alloggio del Tour staccano la corrente) e tutti e quattro, soli dentro i nostri sacchi a pelo, non riusciamo ad addormentarci per il troppo freddo e niente riesce a darci sollievo. Sarà una lunga notte. La notte più fredda di tutto il Tour.

Ci svegliamo non troppo riposati ma lo stesso pronti e belli carichi per il terzo dì di viaggio e per un altro giorno di esplorazione. Oggi la Riserva Eduardo Avaroa sta per dare il meglio di se e così iniziamo la giornata subito con il botto. Al suo interno troviamo per prima la fiabesca Laguna Colorada. Qui, oltre all’acqua, anche tre diversi tipi di fenicotteri colorano il paesaggio: il fenicottero Andino, quello Di James ed il fenicottero Cileno. Perché qui è tutto così rosa? Il motivo è presto spiegato. All’interno dell’acqua si trova un’alta concentrazione di plancton e alghe che con i loro pigmenti colorati donano alla laguna ed ai fenicotteri (che se ne cibano) questa meravigliosa colorazione. Passiamo nella laguna diversi minuti affascinati dalla bellezza e dalla maestosità di questi volatili regali che non sembrano nemmeno molto intimoriti dall’essere umano.

Laguna Colorada

Nessun effetto speciale, il colore è proprio questo

Laguna Colorada F L

Ma come siamo romantici?

Siamo ancora esterrefatti per quello a cui abbiamo appena assistito che arriva il momento di un’altra sosta. Siamo giunti al deserto di Siloli, dove 110 km² di sculture surreali ci lasciano a bocca aperta. Sembrano le creazioni di un celebre artista, ma in realtà qui la mano è quella della Pacha Mama. Durante la potente eruzione di un vicino vulcano le rocce sono stata “sparate” a diversi chilometri e, dopo aver toccato il suolo, grazie all’erosione del vento, si sono formate figure pazzesche. Sono una più bella dell’altra ma la più famosa e la più incredibile è l’Arbol de Piedra“. Questo è veramente un luogo magico per volare con l’immaginazione.

deserto di Siloli

Deserto di Siloli avanti, per la toilette a sinistra

Arbol de Piedra Uyuni

Un quadro.

All’interno della Riserva le lagune sembrano non finire mai e, impossibile ma vero, sono una differente dall’altra. Ci attendono così colori che sembrano non appartenere a questo mondo con le fermate alla Laguna Honda (4.170 m.s.l.m.), alla Laguna Chiarkota (4.285) e alla Laguna Cañapa (4.265), mentre il pranzo verrà consumato per strada a mo di pic-nic con una stupenda vista sul Vulcano Ollague (5.865). Forse l’abbiamo già detto troppe volte, ma questo Tour è una cosa indescrivibile. E dire che il pezzo forte deve ancora mostrarsi.

Laguna Colorada Uyuni

Forse l’avrete capito da soli ma tutti quei puntini sono fenicotteri

Flamencos Uyuni

Volcano Ollague

Noi insieme al Volcano Ollague

Il pomeriggio, tra piccole soste, chiacchere e lecca-lecca, arriviamo finalmente al così tanto rinomato Hotel di Sale, situato in Puerto Chuvica. L’impatto è strano: qui qualsiasi cosa è fatta di sale, dai tavoli al tetto, dai muri alle sedie e perfino il letto non sfugge a questo strano materiale da costruzione. Qua riusciamo finalmente a fare una doccia calda (al costo di 10 bolivianos e no, questa non è di sale) e come nuovi siamo pronti per l’ultima cena. Oltre ai sempre buonissimi piatti di Porfi stasera c’è qualcosa di inaspettato: in regalo per noi (come per tutti gli altri gruppi) una bella (e buona) bottiglia di vino che non tarderà a rimanere vuota. Con un po’ di alcool in corpo parliamo tutti e sei allegramente insieme fino a tarda sera fino a che gli occhi non incominciano a cedere. Ci assopiamo pensando al grande giorno di domani. Noi siamo prontissimi per vedere la punta di diamante del Tour. E voi?

Tantissimi Llamas

Tra le tante piccole soste vedrete anche questo

Hotel di sale Uyuni

Tuuuttooo di sale!

Il gruppo nell'Hotel di sale Uyuni

L’ultima cena

Il quarto giorno ha già inizio alle 4:00 di mattina. Alzarsi è dura, ma pensare al perché  di questa sveglia in piena notte rende tutto molto più facile. Saliamo in macchina e partiamo; fuori è buio, il paesaggio è impossibile da distinguere e quindi ne approfittiamo per recuperare un po’ di sonno arretrato.

Ci svegliamo in prossimità della nostra ultima tappa ed alle 5:00 giungiamo finalmente all’Isla Incahuasi: un’isola che si erge nel bel mezzo del Deserto di Uyuni ed i cui abitanti, circa 6.000, sono varie e stupende tipologie di cactus. Il sole ancora non è uscito. Siamo arrivati con un tempismo perfetto. Adesso avete capito perché il Tour da più giorni è quello vincente? Esatto. Il sole che sorge sul Salar de Uyuni visto dall’Isla Incahuasi è una delle cose più incredibili mai viste prima.

Isla Incahuasi

L’isola che c’è

Subito dopo aver pagato il biglietto d’ingresso all'”Isola” (30 bolivianos = 4€) ci imbattiamo in un cucciolo di lama dolcissimo che sembra appena uscito da una fabbrica Trudi. Ci dispiace tanto non poter passare troppo tempo con lui ma non possiamo tardare, qualcosa di ancora più bello ci sta aspettando.
Fiammetta e l'alpaca
Dopo una leggera camminata in salita iniziamo a vedere la cima ed, insieme ad essa, la luce del sole fare capolino. Giunti finalmente sulla cima dell’isola e trovato un posto “isolato” tra le centinaia di turisti (siamo veramente troppi) possiamo goderci appieno lo strabiliante spettacolo di Madre Natura. È così bello che non ci sembra vero.

Salar Uyuni all'alba

Il Tour potrebbe essere solo questo senza problemi

Fiammetta e l'alba

Fiammetta e l’alba…

Leonardo e l'alba

Leonardo e l’alba…

Noi due e l'alba

Noi due e l’alba

Alba al deserto di Uyuni

Buongiorno meraviglia!

Deserto di sale Uyuni

 

Il Salar di Uyuni dall'Isla Incahuasi

Un ricordo che non dimenticheremo tanto presto

Ma anche le cose fantastiche hanno una fine e così quando ormai è pieno giorno, felici come non mai, riscendiamo verso dove eravamo partiti. Ma le sorprese non finiscono qui: a metà strada del nostro percorso sentiamo urlare i nostri nomi. Karim, il ragazzo polacco con cui abbiamo passato diversi giorni a Torres del Paine è proprio dietro di noi. Rincontrare continuamente persone conosciute nel viaggio a migliaia di chilometri di distanza è la cosa che più ci piace. Ci raccontiamo i percorsi fatti da entrambi fino a che, arrivati alla base dell’isola, dobbiamo dividerci. Porfi e Grober sono ad aspettarci ad un tavolo apparecchiato con una ricca colazione. Scusate se ve lo ridiciamo, ma questo è IL Tour per eccellenza!

Incahuasi Uyuni

Da dovunque si guardi fa venire la pelle d’oca

Noi e gli animali

Bah, guarda chi abbiamo anche ritrovato a scendere

Colazione all'Incahuasi

L’ultima colazione

Salar di Uyuni

La prima camminata sul Salar

Divorate tutte le leccornie (Porfi ci aveva preparato addirittura una torta) abbiamo giusto il tempo di fare i nostri primi passi, e le nostre prime foto, sulla stranissima superficie del Deserto prima di ripartire in auto. Ma come per dove? Per le foto di rito, che guai a chi va via da qua senza farle.

Salar di Uyuni

Foto scema al Salar di Uyuni

I nostri compagni di viaggio Anne e Gunter

Foto scema al Salar di Uyuni

Foto scema al Salar di Uyuni

Più idee avrete e più belle saranno le vostra foto

Il bellissimo Salar di Uyuni

Foto scema al Salar di Uyuni

Foto scema al Salar di Uyuni

La foto classica ma che da sempre ottimi risultati

Tips4tripS al Salar di Uyuni

Tips4tripS è arrivato anche al Salar de Uyuni

 

Bacio al Salar di Uyuni

La scena del bacio qua rende molto bene

Divertiti come matti a provare le diverse prospettive (vi lasceranno un’ora e mezzo di tempo per sbizzarrirvi) siamo pronti a ripartire. La prossima fermata sarà sempre all’interno del Salar, più precisamente allo storico Hotel di Sale (quello originale) che adesso è stato adibito solo a Museo. Al suo interno una visita è d’obbligo (tanto è gratuita) ma anche all’esterno le attrazioni non mancano.

Troverete a pochi passi dallo strano albergo sia un monumento per il pericolosissimo Rally La Dakar (passato di qua più volte dal 2009 ad oggi) sia una grande base di sale dove persone di tutto il mondo hanno appuntato la bandiera del proprio Paese. La cosa buffa? Ci sono bandiere di quasi tutto il Mondo, anche degli Stati più sconosciuti, ma di quella italiana nemmeno l’ombra. Quindi, fateci un piacere, se venite al Salar de Uyuni una bandiera dell’Italia, anche minuscola, portatevela dietro.

Lo storico Hotel di Sale

Hotel con vista Salar

Monumento Dakar Bolivia

Bandiere al Salar di Uyuni

Cercatela quanto volete ma la bandiera italiana non c’è proprio

È proprio a questo punto che tocca salutare il più grande Deserto salino del Pianeta (contiene ben 10 miliardi di tonnellate di sale) per risalire sul fuoristrada, direzione Colchani. Qui ci aspettano una via piena di bancarelle turistiche e l’ultimo pranzo del tour. I prezzi sono buoni e ci lasciamo contagiare dai tanti turisti che fanno compere. Ne usciamo con due ponchi, uno più bello dell’altro, da veri boliviani. Dopo il pranzo ci dirigiamo verso Uyuni centro (non ce la sentiamo di chiamarla città). Siamo solo di passaggio tra le sue strade ma a primo impatto non ci fa per niente impazzire.

L'ultimo pranzo

L’ultimo pranzo

L’unica cosa degna di nota all’interno di Uyuni è proprio l’ultima fermata del Tour dove avrete a che fare con un gigantesco e meraviglioso Cimitero dei Treni“. Qua centinaia di treni britannici, da dopo la II Guerra Mondiale, giacciono abbandonati a se stessi.

Il Cimitero dei Treni

Il poncho gli ha donato dei superpoteri

PUF! Ci risvegliamo dal sogno. Il Tour è finito ed è già l’ora dei saluti. I nostri compagni di viaggio tornano a Tupiza assieme a Grober e Porfi (altre 5 ore di viaggio per loro) mentre noi decidiamo di fermarci lì sapendo già che strada prendere. Saranno stati i posti meravigliosi visti in questi giorni ma a noi il centro di Uyuni non piace proprio, così senza tanta esitazione rimontiamo gli zaini in spalla e saliamo sul primo autobus in partenza che sentiamo urlare come sempre da simpatiche ragazze boliviane: «Potosí, POTOSÍÍÍÍÍ!!!»

Foto di gruppo nel Salar di Uyuni

Ringraziamo davvero di cuore Grober e Porfi, ma soprattutto Anne e Gunter sia per la compagnia che per le tante foto donateci. Speriamo di rivedervi tutti e quattro molto presto!

Voti Salar Uyuni

Un posto così splendido non puo’ che avere un album con centinaia di foto.
E infatti eccovelo qua!

3 commenti

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] già detto altre volte, per noi la Bolivia è stata una grande sorpresa; oltre al tanto amato Salar de Uyuni questo Paese è riuscito a stupirci anche con i suoi paesaggi, con le sue “metropoli” […]

  2. […] già detto altre volte, per noi la Bolivia è stata una grande sorpresa; oltre al tanto amato Salar de Uyuni questo Paese è riuscito a stupirci anche con i suoi paesaggi, con le sue “metropoli” […]

  3. […] ultimi quattro giorni li abbiamo trascorsi alla scoperta del bellissimo Salar de Uyuni. Per tutto il tempo abbiamo macinato chilometri e chilometri su strade sterrate che hanno messo a […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *