Consigli di viaggio · Sud America

LAS CAPILLAS DE MARMOL, le fiabesche grotte di PUERTO RIO TRANQUILO

img0848v

27.03.2016 – 28.03.2016

Ci teniamo, innanzitutto, a raccontarvi come sia stato possibile arrivare fino al paesino cileno Puerto Rio Tranquillo, non perché abbiamo tempo da perdere (va be’, abbiamo anche quello) ma soprattutto poiché non è proprio così facile raggiungerlo dato che non esistono tratte dirette. Il viaggio è lungo, travagliato e abbastanza caro, ma noi qui sotto vi mettiamo una foto di quello che potrete vedere arrivandoci, cosicché ogni preoccupazione per il tragitto svanisca. Ecco a voi Las Capillas de Marmol!

2016-06-12-22.52.54.jpg.jpeg

P.S.: noi partiamo da El Chaltén, casa natale del Cerro Fitz Roy, ma questo percorso vale per tutti quelli che vorranno entrare in Cile dalla Patagonia Argentina passando per Chile Chico.

Per prima cosa dovrete comprare un semplice biglietto d’autobus per la città argentina Los Antiguos (noi El Chaltén-Los Antiguos lo abbiamo pagato 1.000 pesos argentini cadauno, circa 60€; i pullman argentini sono di gran lunga i più cari di tutto il Sud America) e possibilmente ad un orario che vi faccia raggiungere la destinazione di prima mattina, cosicché potrete arrivare tranquillamente al luogo che ospita “Le Grotte di Marmo” in una sola giornata. Fatto? Bbbene! Ora, dal terminal dei bus di Los Antiguos, avrete due scelte per varcare il confine ed arrivare così a Chile Chico: comprare il biglietto per un mini-bus (prezzo 100 pesos argentini, 6€) ed arrivare dopo nemmeno quaranta minuti (dogana inclusa) o farvi un’oretta e mezza di camminata. Arrivati nella piccola Chile Chico troverete una sola impresa di trasporti autorizzata che vi potrà accompagnare fino alla nostra (e forse anche vostra) destinazione; il mezzo è sempre un mini-van ed il prezzo è di 17.000 pesos cileni (nell’America Latina hanno molta fantasia per i nomi delle valute), ossia 22€. Peccato che ci sia un “piccolo” problema: a meno che non viaggiate soli o che siate stati baciati dalla Dea bendata troverete completamente piena qualsiasi corsa per il giorno stesso (non è possibile riservare i biglietti su internet; chi prima arriva meglio alloggia), e dovrete così prenotare per il giorno dopo, dormendo una notte lì. Ma c’è sempre una via di fuga: i mini-van abusivi! A 20.000 pesos cileni (26€) vi guideranno senza correre troppi pericoli alla meta, fermandosi nei punti panoramici migliori e spiegandovi anche un po’ di storia del posto e di quello che starete vedendo. Ah, questo è l’ultimo posto dove poter prelevare denaro, da qui in poi il niente. Quindi prima di avventurarvi in questo viaggio assicuratevi di avere con voi un po’di pesos cileni, potrebbero passare giorni prima di incontrare un altro bancomat (se non ci sbagliamo, il successivo paese che ne è fornito è Coihaique a 4-5 ore di viaggio). Fatto tutto come vi abbiamo detto? Perfetto, in questo caso dopo circa quattro ore di seggiolini da ginocchia in gola sarete arrivati. Benvenuti a Puerto Rio Tranquilo!

wp_20160327_11_16_48_pro.jpg

wp_20160327_11_14_45_pro.jpg

Ecco, è così che anche noi siamo arrivati. La nostra prima tappa di quella che viene definita la strada più bella del Globo intero: la Carretera Austral. Partiti con un pullman da 60 posti siamo giunti fino a qui in 12 persone. Riposati poco o nulla nel viaggio di notte abbiamo preferito fare tutto con i mezzi a ruote (niente varcata del confine a piedi) e della nostra stessa idea sono state anche una coppia olandese, una cino-tedesca, una ragazza americana, un signore giapponese e altre due coppie di francesi che abbiamo trovato per strada e che dal giorno precedente stavano provando a fare l’autostop (spostarsi così lungo la Carretera Austral dicono che è facilissimo ma noi che l’abbiamo provato sulla nostra pelle possiamo dirvi che ci vuole tanta, tanta fortuna per trovare un passaggio gratuito).

12994431_988622814546911_2089277607162770810_n
La piazza centrale, nonché il terminal dei bus, nonché il centro turistico, nonché tutta l’essenza di Puerto Rio Tranquilo

Tutti insieme, visto che nessuno aveva prenotato un posto per dormire, appena arrivati siamo andati alla ricerca di un alloggio. Dopo svariati “Tutto esaurito” siamo riusciti ad impossessarci di una piccola casa di legno privata, qui chiamata Cabaña. Insieme a noi altre due persone hanno deciso di fermarsi qui: Jessica da San Francisco e il fantastico sessantacinquenne Kazuhiro Hanawa da Tokio. Vi ricorda niente questo nome? Sì? Quindi vuol dire che siete nostri assidui frequentatori! Se invece Kazuhiro non vi dice niente provate a leggere l’articolo su El Chaltén. Fatto sta che abbiamo conosciuto due straordinari compagni di viaggio e intanto in quella casa pareva di essere in una barzelletta: ci sono un’americana, un giapponese e due italiani…appena lasciate le valigie siamo subito corsi al vicino porticciolo cittadino dove, per poco più di 10€ (8.000 pesos cileni per l’esattezza), ci siamo imbarcati in direzione Las Capillas de Marmol. Il tempo anche qui non ci ha voluto molto più bene degli ultimi due nostri destini, ma a detta dei “Lupi di mare” di Puerto Rio Tranquillo era il miglior tempo che potessimo trovare in quella settimana, dato che la presenza dei nuvoloni grigi era molto meglio dei giorni di forte vento e pioggia che sarebbero arrivati nei giorni a seguire. Fidandoci di loro siamo partiti senza pensarci un minuto in più.

dsc0650.jpg

Una corta passeggiata verso il porticciolo poco fuori dal paesino e via, sopra la mini-barca a motore. Un giubbotto di salvataggio per uno e si parte. Il viaggio dura poco, meno di mezz’ora, ma con il vento freddo che ci veniva addosso ci è sembrato molto più infinito. Ma anche qui, come tante altre volte, è stato un patire a fin di bene, dato che ci siamo ritrovati davanti le meravigliose Grotte di Marmo. Per l’esattezza qui potrete ammirare in un primo momento le Grotte (Grotas de Marmol), poi le Cappelle di Marmo (Capillas de Marmol) e per finire il pezzo forte, la stupenda Cattedrale di Marmo (Catedral de Marmol). Dove possibile potrete addirittura entrare con la barca dentro ad alcune di queste caverne, così da poter ammirare da vicino e toccare con mano queste meraviglie della natura.

Essendo questo uno dei nostri articoli più corti in assoluto, perchè non riempirlo di foto?

wp_20160327_14_19_06_pro.jpg

2016-06-12-22.50.00.jpg.jpeg
Le numerosissime Grotte di Marmo
2016-06-12-22.52.02.jpg.jpeg
Quando usciva il sole sembrava tutto ancora più bello

wp_20160327_17_56_43_pro.jpg

wp_20160327_18_06_04_pro.jpg
Potete decidere se fare il tour in barca (insieme a tante altre persone) o se farlo in privato con un kayak

dsc0683.jpg

dsc0697.jpg

wp_20160327_17_46_11_pro.jpg

wp_20160327_18_14_14_pro.jpg
Questa è la Cappella di Marmo, la più bella e particolare
dsc0725.jpg
I suoi interni dal vivo sono da rimanere a bocca aperta

dsc0729.jpg

dsc0746.jpg

dsc0739.jpg

dsc0743.jpg

2016-06-12-22.51.11.jpg.jpeg
Per finire la Cattedrale di Marmo che, nonostante il nome imponente, è la più piccola di tutte

Come se non bastasse, facendo attenzione, riuscirete ad individuare un intero zoo di pietra “scolpito” dall’acqua nelle svariate rocce che troverete nel percorso. Se non avete occhio la guida comunque vi aiuterà a trovarli e sarà molto gentile e pronta a qualsiasi vostra domanda.

dsc0693.jpg
C’è un cane…
dsc0691.jpg
…una tartaruga…
dsc0701.jpg
…e un elefante…
wp_20160327_18_17_12_pro.jpg
…solo non si vedono i due leocorni!
dsc0686.jpg
ANIMALE EXTRA: Fiammetta ci vede un delfino che salta, Leonardo un pinguino. Voi?

Appena rimesso piede sulla terraferma è già quasi l’ora di cenare (il giro in barca dura circa 2 ore e mezzo) e decidiamo, noi quattro, la famiglia Barzelletta, di cucinare qualcosa tutti insieme. Gli ingredienti li sceglie Kazuhiro: 1 kg di pasta, uova, patate e cozze e salmone in scatola. Ma stiamo scherzando? Proprio no. Con l’aiuto di tutti (e delle sue spezie portate dal Giappone) la nostra cena a base di patatine fritte e un simil-ramen è una tra le migliori (se non la migliore) del viaggio fino a qui. Veramente ottimo. Finito di cenare facciamo qualche chiacchera, anche se con Kazu che parla solo giapponese e vuole a tutti i costi farci salutare i suoi amici su Skype non è facile, ma almeno è super-divertente. Stanchi dalla lunga giornata ci diamo la buonanotte, non prima però di aver rifatto le valigie. Il nostro soggiorno qui, infatti, lo vogliamo far durare una sola notte, anche perché dopo aver visto l’attrazione del posto se non avete in mente di passeggiare sul qui vicino glaciar Exploradores o andare in kayak sul lago General Carrera (dove si trovano Las Capillas de Marmol) questo posto non ha molto di più da offrire.

foto(1)
A vederlo non si direbbe, ma era squisito

Ci svegliamo così di prima mattina, lasciamo l’appartamento tutti e quattro insieme e partiamo per affrontare la parte più difficile di questo posto. Dovete sapere infatti che arrivare a Puerto Rio Tranquilo è complicato ma andarsene è veramente difficile e il rischio di dover allungare il vostro soggiorno è molto alto. Gli unici due bus che da Puerto Rio Tranquillo si dirigono a nord (con destino Coyhaique) arrivano verso le 8:00 di mattina ma ad essere sinceri passa un solo autobus turistico dove potrete trovare posto, dato che il secondo mezzo è un mini-van da 16 posti e lo troverete quasi sicuramente già strapieno. Il pullman grande è della compagnia Aguilas Patagónicas e, anche se c’è un rivenditore di biglietti di fronte alla fermata, il biglietto potrete comprarlo solo a bordo, poiché nessuno sa quanti posti ha il bus in arrivo (noi vi diamo il sito sperando possiate comprare i biglietti qui, anche se ci crediamo poco: www.aguilaspatagonicas.cl). Noi ci siamo presentati alla fermata alle 07:30, diventando così i secondi della fila, ma dovete sapere che in questo angolo di Cile non esiste un galateo delle buone maniere e quindi non ci sono regole. Si deve affrontare una vera e propria battaglia per salire e aggiudicarsi uno dei pochi posti rimasti. Ma per una meraviglia come il Cerro Castillo siamo pronti a combattere. L’ora è giunta, vediamo l’autobus avvicinarsi. Che la guerra abbia inizio!!!

12993340_988622844546908_8068056888605087867_n
Foto di gruppo

capillas

Con questo articolo vi abbiamo sepolto di foto, ma se ancora non ne avete abbastanza
venite pure a godervi l’album completo sulla nostra pagina Facebook!

Annunci

4 thoughts on “LAS CAPILLAS DE MARMOL, le fiabesche grotte di PUERTO RIO TRANQUILO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...